Gigapixel art
Abbazia di Nonatola: le absidi

<span>Gigapixel art</span> <br>Abbazia di Nonatola: le absidi

Abbazia di Nonantola: veduta delle absidi.
Tappa obbligata della via Romea Nonantolana, alla quale dà il nome, l’Abbazia benedettina di Nonantola fu fondata nel 752 dall’abate Anselmo e successivamente trasformata nel dodicesimo secolo. Costituisce uno dei più significativi monumenti medioevali dell’Emilia. Nonostante il suo aspetto scarno ed essenziale ebbe grandissima importanza per il suo radicamento nel territorio e il suo ruolo nella bonifica agraria di una vasta parte del territorio modenese. L’Abbazia conserva uno dei più importanti tesori delle cattedrali italiane e una ricchissima biblioteca con pergamene anteriori all’anno mille.

Nonantola Abbey: view of the apses.
An obligatory stop along the Via Romea Nonantolana, to which it gives its name, the Benedictine Abbey of Nonantola was founded in 752 by Abbot Anselmo and subsequently transformed in the twelfth century.
It is one of the most significant medieval monuments in Emilia. Despite its lean and essential appearance, it was of great importance for its roots in the territory and its role in the agricultural reclamation of a large part of the Modena area. The Abbey preserves one of the most important treasures of Italian cathedrals and a very rich library with parchments prior to the year one thousand.